VISITANDO e ASSAGGIANDO

CAPPELLETTI ROMAGNOLI

I cappelletti romagnoli, chiamati anche cappelletti di magro perchè il loro ripieno non prevede l’utilizzo di carne, sono un piatto tipico della città di Ravenna, ma anche del resto della Romagna. E’ un piatto che storicamente veniva servito come primo piatto del pranzo di Natale, ma oggi viene utilizzato in qualsiasi giorno dell’anno. Possono essere mangiati in brodo, ed è la ricetta più classica, ma anche con un buon ragù alla romagnola.

DOSI:

Dosi  per 4 persone

Preparazione 45 min

Cottura 15 min

Costo basso

INGREDIENTI:

PER LA PASTA:

Farina 400 gr

Uova 4

PER IL RIPIENO:

Ricotta 130 gr

Raviggiolo o stracchino 130 gr

Parmigiano Reggiano 40 gr

Uova 1

Noce moscata

Sale fino q.b.

Pepe q.b.

PROCEDIMENTO:

Per realizzare i cappelletti romagnoli, iniziate preparando la pasta fresca. Unite in una scodella la farina, le uova sbattute, ed iniziate ad amalgamare i due ingredienti. Trasferite il composto di uova e farina sul piano di lavoro, e lavoratelo bene con le mani, in modo tale da ottenere un’impasto omogeneo, liscio e compatto. Formate una palla con l’impasto, avvolgetelo con della pellicola e mettetelo a riposare per almeno mezz’ora in frigorifero.

Nel frattempo, preparate il ripieno per i cappelletti mescolando in una ciotola la ricotta, il Raviggiolo (o lo stracchino), le uova, una grattugiata di noce moscata, un pizzico di sale e una macinata di pepe e coprite bene con pellicola trasparente nell’attesa di stendere la pasta.

A questo punto prendete l’impasto che era stato riposto in frigorifero e con il matterello, o con la macchinetta, riducetelo ad una sfoglia abbastanza sottile perchè essendo una pasta ripiena, necessita di una sfoglia il più sottile possibile.

Appena ricavate le sfoglie di pasta, con un coppa pasta rotondo, ricavate dei dischi e al centro di ogni disco, mettete un piccola porzione di ripieno. Inumidite leggermente, con le dita il bordo del disco rimasto libero dal ripieno, ripiegate su stesso il disco di pasta ripieno formando una mezza luna e sigillate bene la pasta. Dopo aver unito e sigillato i lati della mezza luna di pasta, ripiegate leggermente all’esterno la parte superiore della mezzaluna stessa, e a questo punto, i cappelletti di magro romagnoli sono pronti.
A questo punto potete cuocere e poi servire i cappelletti in un abbondante brodo di carne, che è la ricetta tradizionale dei cappelletti romagnoli, ma anche cuocerli a parte e servirli conditi con un abbondante ragù alla romagnola.
CAPPELLETTI ROMAGNOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su