VISITANDO e ASSAGGIANDO

BRASATO AL BAROLO

Il brasato al barolo è una tipica ricetta della cucina piemontese, si tratta di uno stufato cotto a lungo nel vino barolo.

IMG_20180922_165148

DOSI:

Dosi  per 4 persone
Difficoltà  bassa
Preparazione  15 minuti
Cottura  180 minuti

INGREDIENTI:

Manzo  cappello del prete 1 kg
Barolo  (1 bottiglia) 750 ml
Carote  2 medie
Sedano 2 coste medie
Cipolle dorate 1 grossa
Aglio  1 spicchio
Rosmarino  1 rametto
Alloro  2 foglie
Chiodi di garofano  3
Burro  50 gr
Olio extravergine d’oliva  1 cucchiaio
Sale  q.b.
Pepe  q.b.

PROCEDIMENTO:

Uno dei momenti più importanti per una buona riuscita della ricetta è la marinatura. In una pirofila molto ampia mettete la carne con il rosmarino, l’alloro e chiodi di garofano, copritelo con il vino e lasciate la carne marinare per almeno 10 ore.

Al termine della marinatura, tagliate carote, sedano e cipolle molto finemente per creare il trito del soffritto. In una padella molto ampia fate quindi soffriggere con il cucchiaio di olio e il burro, le verdure tritate con gli spicchi di aglio. Quando avranno raggiunto la doratura, aggiungete la carne dopo averla scolata dal vino rosso.

Fate rosolare per bene ogni parte della carne, aggiungete il sale e il pepe, e versate quindi il vino in cui avete messo a macerare la carne, chiudete la pentola con un coperchio e fate cuocere a fuoco molto lento per circa 180 minuti.

Una volta giunto a cottura, servite tagliando il pezzo di carne a fettine spesse circa un centimetro accompagnate da abbondante sugo di cottura.

BRASATO AL BAROLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su