VISITANDO e ASSAGGIANDO

QUATTRO MUSEI IN UNO: MUSEI REALI TORINO

Una delle attrazioni che vale la pena di visitare a Torino, è senza dubbio il polo museale Musei Reali Torino, che comprende Palazzo Reale, l’Armeria Reale, la Galleria Sabauda e il Museo delle Antichità.

E’ un polo museale che si estende per oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito nella zona di Piazza Castello e dintorni, e che permette con un biglietto unico, di passare da testimonianze dell’età preistorica, passando per il periodo romano, fino ad arrivare al periodo della presenza sabauda a Torino.

Si può iniziare la visita dall’Armeria Reale, situata in piazza Castello, una delle più ricche collezioni di armi e armature antiche del mondo, con più di 5000 oggetti che vanno dalla preistoria al novecento. Tra questi si possono segnalare armi e armature cinquecentesche e il Medagliere Reale, con le collezioni di monete appartenute a Carlo Alberto.

Armeria_Reale_Torino_22072015_02

La visita prosegue nel Palazzo Reale, la prima e più importante tra le residenze sabaude in Piemonte.

E’ stata scelta come dimora dai Savoia verso la metà del 1500 per volere Emanuele Filiberto di Savoia quando era un palazzo vescovile, però già nel 1584 Carlo Emanuele I affidò ad Ascanio Vitozzi la modifica e il rinnovamento del palazzo, che nel corso dei secoli, e per opera di diversi architetti, ha reso al Palazzo Reale, l’aspetto che ha attualmente. Tra questi architetti ricordiamo Filippo Juvarra nel ‘700 che realizzò la Scala delle Forbici e il Gabinetto Cinese e Pelagio Palagi, che verso la metà dell’800, realizzò la cancellata che separa la Piazzetta Reale antistante al palazzo da Piazza Castello.

Tra le cose più interessante da vedere, anche se il palazzo è interessante nella sua interezza, oltre ai già citati Gabinetto Cinese e Scala delle Forbici, si possono evidenziare lo Scalone d’Onore, dell’architetto Domenico Ferri, e la Sala da ballo e la Sala del trono, entrambe progettate da Pelagio Palagi.

Sala_da_ballo._Palazzo_reale_Torino_3

 download

Dopo la visita al Palazzo Reale, uscendo sui Giardini Reali

IMG_20160526_101222

dove se è una bella giornata di sole, ci si può anche fermare per ammirarli e riposarsi un attimo, si prosegue la visita nella Galleria Sabauda.

3325TorinoGalleriaSabauda

La galleria è una pinacoteca che conserva oltre 700 dipinti che vanno dal XIII al XX secolo. Fra i dipinti di maggior interesse spicca una raccolta particolarmente interessante di autori piemontesi, un vasto assortimento di opere prodotte dai maggiori nomi della pittura italiana, tra i quali Giambattista Tiepolo con il suo  Trionfo di Aureliano,

Giambattista-Tiepolo-Trionfo-di-Aureliano-1718-ca-Torino-Galleria-Sabauda-

Beato Angelico, Duccio di Boninsegna, Guido Reni, e alcuni pittori della scuola fiamminga come Van Dyck, Rubens, Rembrandt.

Si può terminare la visita dei musei con il Museo delle Antichità, creato nel 1940, che si compone di tre sezioni:

La sezione denominata Collezioni con antichità cipriote, preistoriche e protostoriche, etrusche e ceramiche da Grecia e Magna Grecia. La sezione denominata Territorio con oggetti e reperti provenienti da scavi effettuati sul territorio regionale, e con ritrovamenti che attestano che vi erano già popolazioni stabili nel territorio piemontese dal mesolitico e paleolitico. La sezione denominata Torino con l’esposizione Archeologia a Torino inaugurata il 31 maggio 2013 con la quale si è aperta la terza sezione del museo, dedicata alla lunga storia della città, e con i locali del seminterrato in cui è allestita che si aprono sul teatro della romana Augusta Taurinorum.

INFO:

Sede: Piazzetta Reale, 1

Orari:

Dal martedì alla domenica dalle 9,00 alle 19,00

Giorno di chiusura lunedì

La biglietteria chiude alle 18.00

Biglietti:

Intero:         € 12

Ridotto        € 2

Gratuito      Minori di 18 anni, disabili con accompagnatore

Apertura gratuita ogni prima domenica del mese

QUATTRO MUSEI IN UNO: MUSEI REALI TORINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su