VISITANDO e ASSAGGIANDO

PIAZZA NAVONA E PANTHEON

Una delle più celebri piazze di Roma, è senza dubbio Piazza Navona,  con la tipica forma allungata e con le tre fontane presenti nella piazza.

Piazza_Navona,_Roma_-_fontana_fc07

Piazza Navona, che sorge dove nell’antica Roma si trovava lo Stadio di Domiziano che fu fatto costruire dall’imperatore Domiziano nell’85, e che era usato solo ed esclusivamente per le gare di atletica, fu risistemata con l’aspetto attuale nel 1600 per volere di papa Innocenzo X che voleva celebrare in questo modo la grandezza del casato dei Pamphili, famiglia cui il papa apparteneva.

In Piazza Navona troviamo la Fontana del Moro situata nell’area sud della piazza, e la Fontana del Nettuno situata nell’area nord, mentre al centro della piazza troviamo la Fontana dei Quattro Fiumi di Gian Lorenzo Bernini che rappresenta il Danubio, il Gange, il Nilo e il Rio della Plata.

IMG_20151013_130707

Di fronte alla fontana del Bernini si trova la chiesa di Sant’Agnese in Agone di Francesco Borromini, che ricorda il martirio che la Santa avrebbe subito proprio in quella parte della piazza e nel lato della piazza troviamo Palazzo Pamphilj dove sono da segnalare gli affreschi della galleria. Da segnalare con riferimento alla presunta rivalità fra il Bernini e il Borromini, la leggenda che dice che la statua del Rio della Plata abbia una mano protesa per ripararsi dal forse imminente crollo della chiesa, ma la credenza è infondata, poiché la fontana fu realizzata prima della chiesa. Nella piazza, è diffusa ormai da molti anni, la presenza di pittori e disegnatori, che espongono le loro opere e realizzano ritratti ai turisti, mentre intorno alla piazza numerosi sono i ristoranti anche storici dove si può pranzare.

Uscendo da Piazza Navona, dopo essere passati davanti a Palazzo Madama sede del senato, inoltrandosi per via del Salvatore e poi proseguendo per via Giustiniani, si raggiunge Piazza della Rotonda dove possiamo ammirare il Pantheon.

Roma_-_Pantheon_campo_lungo_con_obelisco

Il Pantheon, è un edificio della Roma antica costruito come tempio dedicato a tutte le divinità. Fu fondato nel 27 a.C. dall’arpinate Marco Vipsanio Agrippa e fatto ricostruire dall’imperatore Adriano tra il 120 e il 124 d.C., dopo che gli incendi dell’80 e del 110 d.C. avevano danneggiato la costruzione precedente di età augustea. L’edificio è composto da una struttura circolare unita a un portico in colonne corinzie (otto frontali e due gruppi di quattro in seconda e terza fila) che sorreggono un frontone. La grande cella circolare, detta rotonda, è cinta da spesse pareti in muratura e da otto grandi piloni su cui è ripartito il peso della caratteristica cupola emisferica in calcestruzzo. La cupola ospita al suo apice un’apertura circolare detta oculo, che permette l’illuminazione dell’ambiente interno.

Internal_Pantheon_Light

All’inizio del VII secolo il Pantheon è stato convertito in basilica cristiana (con l’editto di Costantinopoli) chiamata Santa Maria della Rotonda o Santa Maria ad Martyres, il che gli ha consentito di sopravvivere quasi integro alle spoliazioni apportate agli edifici della Roma classica dai papi. Una delle caratteristiche che contraddistinguono il Pantheon, è di essere la sede si sepolture illustri, infatti vi si trovano le tombe di artisti illustri come Raffaello Sanzio ed Annibale Carracci e le tombe dei due primi re d’Italia, Vittorio Emanuele II e suo figlio Umberto I

INFO VISITA PANTHEON:

Sede: Piazza della Rotonda

Orari:

Lunedì-Sabato:                   8:30-19:30

Domenica:                           9:00-18:00

Festivi infrasettimanali:   9:00-13:00

Ultimo ingresso: 15 minuti prima dell’orario di chiusura

Ingresso libero

PIAZZA NAVONA E PANTHEON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su